design

Salone del Mobile e Fuorisalone 2022

salone-del-mobile-milano-2022-manifesto

Fervono i preparativi per la 60° edizione del Salone del Mobile 2022 e dell’ormai inseparabile e irrinunciabile Fuorisalone. Questa la mia guida con le informazioni utili (quando, dove, come acquistare i biglietti, cosa vedere e perché) per iniziare a progettare la vostra memorabile full immersion nella Milano Design Week.

Quando sarà il Salone del Mobile?

Segnate in calendario da martedì 7 a domenica 12 giugno 2022. Il Salone del Mobile è aperto con orario continuato dalle 9.30 alle 18.30.

Gli operatori di settore possono accedervi tutti e 6 i giorni. Nella categoria rientrano: architetti e designer, buyer, decoratori d’interni, distributori e rivenditori, esportatori e importatori, facility manager, general contractor.

Il Salone è invece aperto al pubblico (quindi a tutti i “comuni mortali”), solo nelle giornate di sabato 11 e domenica 12 giugno.

Per gli studenti è aperto il 10, 11 e 12 giugno.

date-salone-del-mobile-milano-2022

Dove si tiene il Salone del Mobile?

Fulcro della manifestazione saranno tutti i 24 padiglioni del quartiere Fiera a Milano, Rho: 200mila mq di superficie per 2mila espositori (scoprili tutti), il 25% stranieri.

salone-mobile-milano-fiera-rho
Il quartiere fieristico a Rho progettato dall’archistar Fuksas

Come acquistare i biglietti del Salone del Mobile 2022

L’acquisto dei biglietti di ingresso è possibile dal 6 maggio esclusivamente online sul portale del Salone del Mobile, previa registrazione. I biglietti sono personali e non cedibili.

Al momento dell’ordine è necessario indicare il giorno della visita. Successivamente, il giorno può essere modificato nell’area riservata. Tutti i biglietti vengono inviati via mail.

Nella categoria degli operatori di settore rientrano: architetti e designer, buyer, decoratori d’interno, distributori e rivenditori, esportatori e importatori, facility manager, general contractor.

Prezzo biglietti Salone del Mobile

I biglietti sono disponibili in prevendita a prezzo ridotto fino alle 23.59 del 6 giugno. A partire dal primo giorno di manifestazione sarà in vigore la tariffa intera.

Per il pubblico (no operatori di settore) il biglietto valido un giorno costa € 30 acquistato in prevendita. Dal 7 al 12 giugno € 35.

Il SaloneSatellite è aperto al pubblico per tutta la durata della fiera, con ingresso gratuito.

Per gli operatori di settore le tariffe sono le stesse del pubblico per il biglietto valido un giorno. Quindi € 30 acquistato in prevendita, mentre € 35 se comprato dal 7 al 12 giugno. Inoltre, è possibile acquistare il biglietto valido due o tre giorni: 2 giorni a € 55 in prevendita fino al 6 giugno, 3 giorni a € 68. Dal 7 giugno, il biglietto da due giorni costa € 65 e quello da 3 giorni € 80.

Per gli studenti, il biglietto valido un giorno costa € 25 acquistato in prevendita. Dal 7 al 12 giugno € 30.

Cosa visitare al Salone del Mobile

Sette le manifestazioni che si tengono contemporaneamente durante la Design Week in fiera Rho a Milano:

  1. Salone Internazionale del Mobile
  2. Salone Internazionale del Complemento d’Arredo
  3. Workplace 3.0 (dedicato agli spazi lavorativi)
  4. EuroCucina (a cadenza biennale) con il suo evento collaterale FTK: Technology For the Kitchen (dedicato agli elettrodomestici da incasso e alla loro evoluzione)
  5. Salone Internazionale del Bagno
  6. S.Project (dedicata ai prodotti di design e alle soluzioni decorative e tecniche del progetto d’interni)
  7. SaloneSatellite incentrato sul tema “Progettare per i nostri domani”, con i suoi 600 talenti under35
stand-fiera-salone-del-mobile

Senza contare i Talks. Un brillante trio, tutto al femminile, curerà questo programma: Chiara Alessi (la storia del Salone), Maria Cristina Didero (la transizione ecologica) e Beatrice Leanza (il digitale) tesseranno le fila di questi incontri, che rimetteranno al centro l’uomo, il pianeta, la bellezza e il design.

La mappa del Salone in fiera

mappa-salone-mobile-2022
Mappa del Salone del Mobile 2022

Design with Nature di Mario Cucinella

Da non perdere in fiera, nel padiglione 15 di S.Project, l’installazione Design with Nature curata dall’architetto Mario Cucinella. 1.400 mq che racconteranno un ecosistema virtuoso che vorrebbe, idealmente, rappresentare il futuro dell’abitare incentrato sul benessere ambientale e sociale.

design-with-nature-mario-cucinella
Design with Nature (©Mario Cucinella Architects)

L’opera ragiona sui temi dell’economia circolare e del riuso, partendo dall’idea che la città sia la possibile “riserva” del futuro, dove trovare gran parte delle materie prime utili alla costruzione.

Le parti che compongono l’installazione, terminato il Salone del Mobile, vivranno di nuova vita e avranno nuove destinazioni: una piccola biblioteca per una scuola, un’aula didattica, una seduta per uno spazio pubblico, un tavolo per un laboratorio.

Evento gratuito La Scatola Magica

In città, dal 7 giugno al 17 giugno, dalle 10.30 – 19.00, nella Sala delle Cariatidi di Palazzo Reale, con ingresso libero, andrà in scena La Scatola Magica. L’allestimento sarà caratterizzato da una monumentale “camera oscura”, un parallelepipedo di 6 m di altezza per 24 m di profondità. A firmare il concept e la produzione esecutiva è Davide Rampello.

scatola-magica-salone-mobile
La Scatola Magica: rendering dell’installazione a Palazzo Reale

Il visitatore, entrando nella camera oscura, avrà l’impressione di trovarsi in un’elegante galleria d’arte. Quando le pareti si oscureranno, si trasformerà in una sala cinematografica in cui saranno proiettati 11 film d’autore realizzati da altrettanti registi italiani.

la-scatola-magica-palazzo-reale
Altro rendering dell’installazione La Scatola Magica a Palazzo Reale

Ognuno di loro ha interpretato secondo la propria personale cifra stilistica una parola del Manifesto del Salone del Mobile, trasformandola in un corto d’autore. Il finale sarà un vero e proprio “colpo di teatro”.

Partner del progetto la Pinacoteca di Brera – dalla cui collezione sono tratte le 21 opere riprodotte all’interno dell’installazione – e la storica Compagnia delle Marionette Carlo Colla.

Concerto e balletto con Bolle alla Scala

Il Salone si aprirà, domenica 5 giugno, con un concerto al Teatro alla Scala dell’Orchestra Filarmonica diretto dal maestro Lorenzo Viotti e un balletto che vedrà come straordinario protagonista Roberto Bolle.

roberto-bolle-teatro-la-scala

I manifesti del Salone del Mobile

L’illustratore Emiliano Ponzi è stato chiamato a rendere omaggio ai 60 anni del Salone del Mobile di Milano realizzando sei differenti manifesti, dedicati ciascuno a un decennio di storia della Manifestazione. Inquadrando con lo smartphone il QR code presente in ogni manifesto, le illustrazioni si animeranno.

Ponzi fa rivivere il legame del Salone con la città e con l’evoluzione del design e del costume italiano, dal 1961 a oggi. Per gli anni ’60 ha rappresentato un interno milanese, da cui svetta la Torre Velasca (è l’immagine che ho usato come copertina di questo articolo).

manifesto-salone-mobile-2022-anni-70
Il manifesto dedicato agli anni ’70

Per l’atmosfera hippie degli anni ’70 si esce in città, col tram protagonista (vedi foto sopra). Gli anni ’80 esaltano la moda, le feste su una terrazza vista Duomo e lo stile pop con un omaggio a Grace Jones (vedi video sotto con l’animazione).

La Scala e i suoi concerti e balletti hanno ispirato il manifesto dedicato agli anni ’90. Il primo decennio del 2000 è invece incentrato sull’architettura della Fiera firmata da Massimiliano Fuksas. L’ultimo manifesto riflette sul presente e apre al futuro, puntando su sostenibilità e inclusività.

manifesto-salone-mobile-anni-90-teatro-scala
Il manifesto del Salone del Mobile 2022 dedicato agli anni ’90 e al Teatro la Scala

Fuorisalone 2022

Dal 6 al 12 giugno (comincia un giorno prima del Salone!) si tiene anche il Fuorisalone, la “festa del design” che invade strade e quartieri di Milano.

Tema dell’edizione targata 2022 è “Tra Spazio e Tempo”: due variabili utili a valutare il nostro impatto sul pianeta e programmare decisioni e azioni concrete per progettare il cambiamento. Il design viene concepito come un “attivatore” capace di supportare la transizione verso la sostenibilità ambientale.

fuorisalone-2022-tema
“Tra spazio e tempo” è il tema del Fuorisalone 2022

Progettisti di primo piano e designer emergenti si confronteranno sulla relazione tra spazi fisici e virtuali, sulla conservazione delle risorse naturali e su come integrarle sempre più nei nostri habitat, sul pensare al futuro delle nostre città, delle nostre abitazioni, sempre più a misura d’uomo.

Le novità
del nuovo Fuorisalone per ora svelate:

  • Fuorisalone Award: un premio decretato attraverso i voti del pubblico e il contributo di un comitato scientifico autorevole per i contenuti e gli allestimenti più memorabili.
  • Ispirami: uno spazio virtuale che unisce installazioni, prodotti e progetti dal mondo del design al servizio del pubblico e delle aziende. Un viaggio per immagini alla scoperta dei progetti più interessanti e innovativi. Per ispirare e informare.
  • Area personale: attraverso la registrazione si potrà accedere a diverse funzionalità: organizzare la propria agenda eventi, pubblicare le informazioni sul proprio evento, costruire la propria collezione di brand, designer e articoli preferiti, votare per il Fuorisalone Award, iscriversi a workshop, ricevere sconti con partner.

Dove si trova il Fuorisalone?

Gli eventi del Fuorisalone sono distribuiti in tutta Milano, in zone definite “distretti“: i Design Districts. Scopriamo dove sono e cosa propongono i vari organizzatori per questa edizione.

fuorisalone-2021
L’iconica installazione Survival del 2021 nel Cortile dell’Università, un progetto di Stefano Giovannoni, designer e titolare del marchio Qeeboo

Centro

Zona centralissima di Milano che ospita i grandi marchi del design italiano e internazionale, tra piazza San Babila, via Durini, corso Europa e Monforte, via Larga e via Manzoni.

Brera

Area che gravita attorno all’Accademia di Belle Arti, quartiere bohémien ricco di negozi di antiquariato, modernariato e che pullula di showroom (attualmente ben 165!).

Qui il tema scelto per la Design Week è “Progettare il presente, scegliere il futuro“, ovvero trovare col design soluzioni oggi per affrontare le sfide di domani. Quest’anno il distretto Brera propone un calendario con più di 160 eventi tra mostre, installazioni, collettive e novità di prodotto.

brera-design-district
Il Brera Design District (foto: www.breradesigndistrict.it)

Si parlerà di benessere e miglioramento della qualità di vita, di innovazione dei prodotti, di ricerca e sviluppo di nuovi materiali, passando per lo sviluppo digitale, tra esperienza online e retail, ma anche di NFT, sempre più rilevanti anche nel mondo del progetto.

Design Variations

Tradizionale appuntamento curato da MoscaPartners, Design Variations lascia palazzo Litta per articolarsi in due nuove location storiche: il Circolo filologico milanese, all’interno del Brera Design District, e palazzo Visconti a due passi da corso Monforte.

cariatidi-contemporanee-olimpia-zagnoli-circolo-filologico-milanese
Il progetto dell’installazione Cariatidi Contemporanee dell’artista Olimpia Zagnoli al Circolo filologico milanese

L’immaginario pop di Olimpia Zagnoli, denso di colori carichi e brillanti, darà vita a un’installazione dalle linee vivaci chiamata Cariatidi Contemporanee, che raffigura le Cariatidi stilizzandone il profilo e istituendo così un confronto visuale tra passato e presente di cui il Circolo filologico milanese si fa mediatore.

5 Vie Art + Design

Il distretto è incastonato tra il Duomo e Sant’Ambrogio, tra via Torino e via Meravigli, nel pieno centro di Milano. Ospita progetti sperimentali di designer indipendenti che realizzano oggetti ed arredi da collezione.

fuorisalone-5vie-archivio
L’installazione del 2020 alla SIAM di Sara Ricciardi “No Signal Zone. Posso darti la disconnessione?” (foto Amir Farzad, courtesy 5VIE)

Quest’anno si svolgerà attorno al fil rouge della co-costruzione di prospettive di senso e di visioni collettive per la progettazione di un futuro condiviso, la matrice di un messaggio di pace e di collaborazione, sotto il segno della creatività. La città come laboratorio per prototipare utopie possibili.

Masterly-The Dutch in Milano celebra la sua sesta edizione. La sede storica di Palazzo Francesco Turati nel cuore di Milano, torna ad accogliere i designer, gli artisti, gli artigiani, le aziende, tutti olandesi, selezionati da Nicole Uniquole, curatrice della manifestazione e fondatrice dell’evento divenuto un caposaldo del Fuorisalone.

Isola

Quartiere popolare a nord di Porta Garibaldi, dominato dal nuovo skyline della torre UniCredit e dal Bosco verticale, dà ampio spazio a designer ed artigiani emergenti. Quest’anno, Isola Design District annuncia la sesta edizione di Isola Design Festival. Nell’ambito del tema di questa edizione “Together As One”, Isola accoglie più di 250 tra designer e studi di design internazionali, che si sommano alle gallerie e agli artigiani locali, distribuiti tra oltre 30 location in uno dei quartieri più vivi di Milano.

isola-design-district
Isola Design District ai piedi del Bosco Verticale

Tortona

Ex quartiere popolare e industriale riconvertito, il distretto Tortona ha come protagonisti Tortona Rocks, BASE, Superstudio e Tortona Design Week. Quest’anno propone il tema “Fluidità e Design“: la visione degli spazi e ripensarli per accettare nuove sfide, progettare per fissare nuove basi e concetti nel campo del design.

tortona-fuorisalone-archivio
L’installazione World Revealed di Alex Chinneck per Iqos nel cortile di Tortona Rocks per il Fuorisalone 2019

Un design che rispecchi il cambiamento epocale, sensibile alle mutate condizioni del vivere attuale, rispettoso delle differenze e delle nuove istanze che si sono affacciate a livello internazionale. Il design per superare tutte le barriere incluse quelle invisibili e psicologiche, capace di creare nuovi valori, coinvolgere ed educare.

Tortona Rocks propone per la settimana edizione MATERIA: New perspectives in design: una riflessione sulle nuove pratiche progettuali che, spesso, partendo da materiali alternativi, segnano un punto a capo per ricostruire visioni, processi e forme. Highlight della settima edizione è l’installazione di IQOS, un intervento temporary di public art su grande scala che prosegue il percorso evolutivo aziendale tra arte e tecnologia.

BASE presenta la seconda edizione di “We Will Design”: designer provenienti da tutto il mondo, scuole, università, istituzioni e giovani studenti si riuniscono in un laboratorio sperimentale di immaginazione e inclusione, in cui le pratiche e le esperienze di design divengono strumento per leggere e, talvolta, risolvere le tante contraddizioni del nostro presente, tra visioni prossime, ideali del quotidiano e micro-utopie.

Superdesign Show a Tortona

Dal 6 al 12 giugno (dalle ore 11 alle 21) Superdesign Show presenta il progetto “Guardare Lontano” al Superstudio Più. Con la regia di Gisella Borioli e l’art direction di Giulio Cappellini, il tema invita a scoprire le tendenze dell’abitare, le soluzioni sostenibili e i cambiamenti che economia circolare, human technology e nuovi scenari, porteranno nel futuro prossimo.

SuperDesign-Show-Superstudio
L’ingresso al Superdesign Show a Tortona

Un“village” spontaneo, che si sviluppa per aree di interesse con “edifici” e installazioni site specific in cui aggirarsi liberamente. Asian Impact, Donne&Design, SuperGreen, Home Switch Home e Case Cozy Cosi’, Materials Metamorphosis, Art Interaction, Italian Masters, Future Now sono alcuni degli argomenti esplorati quest’anno con allestimenti singoli o collettivi, presentazioni di prodotto e installazioni interattive, mostre tra arte e design, spazi esperienziali e multimediali.

Lambrate

Ribattezzato la Brooklyn italiana, è un quartiere industriale di Milano riconvertito all’arte contemporanea e al design che si sviluppa tra le vie Ventura, Massimiano e Sbodio.

lambrate-design-district
Lambrate Design District

S. Ambrogio

Uno dei distretti più giovani della Design Week milanese, si estende tra piazza Sant’Ambrogio, piazzale Baracca, Cadorna, De Amicis e Ticinese. Suo headquarter l’ex convento di Via San Vittore 49.

Porta Venezia

Il distretto abbina la valorizzazione dello stile Liberty di cui è particolarmente ricca questa zona di Milano alla contemporaneità di arte e design.

fuorisalone-porta-venezia
I due caselli daziari di Porta Venezia ricoperti nel 2019 da sacchi di juta dall’artista Ibrahim Mahama

Milano Durini Design

Nuovo concept district finalizzato a rimarcare l’importanza degli showroom aderenti all’associazione Milano Durini. Si pone l’obiettivo di valorizzare il distretto anche in altri periodi dell’anno, allargandone la partecipazione e il coinvolgimento diffuso a chiunque vorrà far parte del progetto associativo. Propone novità di prodotto e ambientazioni di lifestyle esclusive agli operatori di settore e amanti del design.

Triennale Milano

La fondazione Triennale Milano presenta una programmazione che riunisce allestimenti permanenti, come il Museo del Design Italiano e Casa Lana di Ettore Sottsass, e una serie di appuntamenti espositivi ed eventi proposti per la MilanoDesign Week.

memphis-again-mostra-triennale-milano
© Memphis Milano

Memphis Again, in collaborazione con Memphis Milano, e Ettore Sottsass Struttura e colore sono tra le mostre che il pubblico potrà visitare.

Certosa Initiative

È una delle novità dell’edizione 2022 a cura di Beyond Space e Organization in Design. Certosa Initiative è un progetto espositivo che prende forma all’interno di uno spazio post-industriale di oltre 10mila metri quadrati in cui dialogano talenti emergenti e alcuni dei più importanti brand di settore.

certosa-initiative-fuorisalone-statue-right-night
© Certosa Initiative, Statue Right Night

ID-Exe

Realizzato da D.O.S (Design Open Spaces), ID-Exe” è un vero e proprio distretto diffuso, localizzato in decine di punti della città che, per la prima volta nella storia del Fuorisalone, ibrida mondo reale, con i suoi eventi e i suoi momenti espositivi, e mondo virtuale, dando vita a nuovi livelli e scenari fruitivi che prendono vita su smartphone e tablet, superando i limiti di spazio e tempo.

Alcova

Alcova, il progetto espositivo ideato da Joseph Grima di Space Caviar e Valentina Ciuffi di Studio Vedèt, compie quattro anni e torna in zona Inganni, negli spazi dismessi dell’ospedale militare di Baggio creando sinergie tra designer emergenti, artisti, gallerie e istituzioni.

Baranzate Ateliers

Per il secondo anno consecutivo al Fuorisalone, Baranzate Ateliers propone all’interno dell’ex fabbrica Necchi, icona del patrimonio industriale italiano, un percorso espositivo dedicato al design da collezione e all’arte sperimentale che prende forma 3mila metri quadrati.

Floating Forest in Darsena

Timberland, in collaborazione con Stefano Boeri Interiors, presenta “Floating Forest”: una foresta multisensoriale galleggiante realizzata sull’acqua della Darsena di Milano, che prevede un’esperienza immersiva, sia fisica che virtuale. Gli elementi sensoriali saranno fusi con un’esperienza digitale in loco, mentre per chi non potrà partecipare al Fuorisalone l’esperienza sarà online.

floating-forest-darsena-fuorisalone
Il render del progetto Floating Forest di Timberland in Darsena a Milano per il Fuorisalone

Come arrivare al Salone del Mobile

La manifestazione è facilmente raggiungibile in fiera Rho a Milano sia in auto che con i mezzi pubblici.

Da Milano

Metropolitana M1 Linea Rossa. Direzione/fermata Rho – FieraMilano. Stazioni di interscambio: Cadorna -Triennale e Loreto (M2 Linea verde); Duomo (M3 Linea gialla); Lotto (M5 Linea lilla). Per raggiungere la stazione di Rho-fieramilano è necessario un biglietto da 2 € per le zone Mi1-Mi3.

In auto

Dalle autostrade, arrivando a Milano:

A7 Genova, A1 Bologna e A4 Torino, direzione Milano: percorrere A50 Tangenziale Ovest in direzione Varese e uscita fieramilano.

A4 Venezia, direzione Milano: uscita Pero-fieramilano.

A8 Varese e A9 Como, direzione Milano: dalla barriera di Milano Nord proseguire in direzione A4 Venezia, uscita fieramilano.

Da Milano:

– con Autostrada A8 Varese, direzione Varese-Como: uscita fieramilano.

– con Autostrada A4 direzione Torino: uscita Pero-fieramilano.

In treno

Da Milano Centrale / Milano Garibaldi / Milano Lambrate MM metropolitana M2 Linea verde + M1 Linea rossa M2 Linea verde, direzione Abbiategrasso-Assago / fermata Cadorna-Triennale + M1 Linea rossa, direzione/fermata Rho-FieraMilano.

In alternativa: dalla stazione Milano Centrale fermano alla stazione Rho-Fiera i treni regionali delle tratte Torino-Novara-Milano, Varese-Milano, Domodossola-Milano, Arona-Milano e Luino-Milano.

Dalla stazione Milano Porta Garibaldi passante ferroviario linea S5 direzione Varese o S6 direzione Novara, linea S11 (Chiasso-Como-Milano-Rho) fermata Rho-Fiera. Fermano alla stazione di Rho-Fiera anche treni regionali,

Da Milano Cadorna TRENORD MM metropolitana M1 Linea rossa M1 Linea rossa, direzione/fermata Rho-Fiera.

Linee Suburbane (Passante) TRENO Linea S5 Varese-Gallarate-Milano-Pioltello-Treviglio, linea S6 Novara-Magenta-Milano-Treviglio e linea S11(Chiasso-Como-Milano-Rho), fermata Rho-Fiera.

Nella tratta urbana è possibile prendere il Passante nelle seguenti stazioni: Certosa, Villapizzone, Lancetti, Porta Garibaldi Passante, Repubblica, Porta Venezia, Dateo e Porta Vittoria. Attenzione: tra la città di Milano e la stazione ferroviaria di Rho Fiera è valido il biglietto Atm per le zone Mi1-Mi3 da 2 €.

Dagli Aeroporti

Da Milano Linate BUS Linate Shuttle e BUS Bus n. 73 per Milano Duomo M1 M3 (capolinea in prossimità della zona Arrivi) + M1 Linea rossa, direzione/fermata Rho-FieraMilano

Da Milano Malpensa BUS Malpensa Shuttle e BUS Malpensa Bus Express. TRENO Malpensa Express Da Terminal 1 partenze per stazione Milano Cadorna (capolinea) dalle 5.26 alle 00.26 ogni 30′ e tempo di percorrenza 37′ + M1 Linea rossa direzione/fermata Rho-fieramilano
In alternativa:
Da Terminal 1 partenze per Milano Centrale (capolinea) dalle 5.25 alle 23.25 ogni 30′, fermata Milano Porta Garibaldi + Passante ferroviario linea S5 direzione Varese, S6 direzione Novara o S11 direzione Rho, fermata Rho-Fiera.

Da Orio al Serio BUS Airport Bus Express – Autostradale.

Nessun Commento

    Lascia un Commento

    error: Questo contenuto è protetto da copyright